La disoccupazione scende al 9,9% Q2

La disoccupazione in Italia è scesa al 9,9% nel secondo trimestre del 2019, ha detto l’ISTAT giovedì.

Si tratta di un calo di 0,4 punti percentuali, ha detto l’agenzia di statistica.

Si tratta del dato trimestrale più basso dal quarto trimestre del 2011, ha detto l’ISTAT.

A quel tempo il tasso di disoccupazione era del 9,2%, ha detto l’agenzia di statistica.

L’economia italiana sta lentamente uscendo da una triplice recessione.

Il nuovo governo ha promesso di stimolare la crescita e creare posti di lavoro, soprattutto per i giovani.

Il numero di coloro che lavorano in Italia è aumentato di 130.000 (+0,6%) nel secondo trimestre dell’anno rispetto al primo trimestre e di 78.000 (0,3%) rispetto al secondo trimestre dello scorso anno, ha detto l’ISTAT giovedì.

I lavoratori dipendenti erano 97.000 in aumento rispetto al trimestre precedente, con un aumento dello 0,7%, ha detto l’agenzia di statistica.

Secondo l’ISTAT, i lavoratori temporanei sono aumentati di 16.000 unità, ovvero dello 0,5%.

I lavoratori autonomi erano 17.000, con un aumento dello 0,3%.

Nel corso dell’anno, i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato sono aumentati dello 0,7%, con un incremento di 112.000 unità.

I lavoratori temporanei sono scesi di 15.000 unità, pari allo 0,5%.

I lavoratori autonomi sono diminuiti dello 0,4%, 19.000 unità.