Il Presidente del Brescia Massimo Cellino, lunedì scorso, ha fatto una battuta sul colore della pelle di Mario Balotelli, che ha commentato la situazione dopo la caduta dell’attaccante per la sconfitta per 3-0 della sua squadra all’AS Roma di domenica.

“È nero e sta lavorando per alleggerire, ma ha molte difficoltà”, ha detto un Cellino sorridente quando gli è stato chiesto del giocatore di 29 anni.

L’osservazione era un gioco di parole su “nero”, che significa anche “di cattivo umore” o “di cattivo umore”.

La battuta di Cellino fu presto denunciata come razzista da funzionari e politici.

“Cellino risponde alle difficoltà con osservazioni razziste che non ti fanno nemmeno sorridere perché non hanno senso”, ha detto Nicola Fratoianni del partito di sinistra Free and Equal (LeU).

I bresciani sono stati rapidi nel cercare di respingere l’osservazione come “battuta, basata su un paradosso, chiaramente frainteso, fatta nel tentativo di disinnescare l’eccessiva pubblicità mediatica e destinata a proteggere il giocatore”.

Balotelli, nato in Italia da migranti ghanesi, è caduto in campo dopo una fila di allenamenti con l’allenatore Fabio Grosso.

L’attaccante è stato spesso il bersaglio di abusi razzisti durante la sua carriera e ha infilato la palla sugli spalti e si è avvicinato all’andarsene quando è stato sottoposto a canti di scimmie in una recente partita all’Hellas Verona.

La scorsa settimana la Corte d’appello della Federazione Italiana Calcio (FIGC) ha sospeso giovedì scorso un’ordinanza di chiusura della tribuna ultrastars dello stadio di Verona per una partita sopra i canti, in attesa di ulteriori indagini sull’appello del Verona.

Cellino ha aggiunto che secondo lui Balotelli dovrebbe concentrarsi meno sui social media.

“È giusto comunicare con le persone, ma forse Balotelli dà più peso ai social media che al suo valore come sportivo”, ha detto.

“L’ho firmato perché ha 1,90 anni, è un animale ed è ancora abbastanza giovane per fare una dichiarazione nel calcio”.

L’Italia twitta il sostegno alle donne in occasione della Giornata Internazionale

In un tweet per celebrare la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il Ministero degli Esteri italiano si è impegnato lunedì a combattere “tutte le forme di discriminazione e violenza contro le donne”.

“Ogni donna al mondo ha il diritto di essere al sicuro”, leggete il tweet.

“In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’Italia riafferma il suo impegno a combattere ogni forma di discriminazione e violenza contro le donne”.

15.000 metri cubi di fango che ‘vacillano’

Circa 15.000 metri cubi di fango “vacilla ancora” sul luogo del crollo di un viadotto sull’autostrada A6 tra Torino e Savona, dicono gli esperti lunedì.

“La frana che ha distrutto il viadotto dell’A6 contiene circa 15.000 metri cubi di materiale che ancora vacilla sul bordo (di caduta), hanno detto Nicola Casagli dell’Università di Firenze e Luca Ferraris della Fondazione Cima, centro di ricerca della Protezione Civile Nazionale.

Un gruppo in rappresentanza delle famiglie delle 43 vittime del disastro di Morandi-bridge dell’agosto 2018 a Genova ha chiesto di intervenire lunedì dopo il crollo del viadotto A6 di domenica, alimentando le preoccupazioni per la sicurezza delle infrastrutture autostradali nazionali.

Un tratto di autostrada in Liguria ha ceduto a causa di una frana in mezzo a tempeste nella regione nord-occidentale.

All’epoca non c’erano veicoli su di esso – e ci sono state segnalazioni che un automobilista aveva salvato delle vite fermando le auto che si avvicinavano al ponte.

Inoltre, è stata aperta una dolina sull’autostrada A21 in Piemonte.

“Solo grazie al puro caso e all’immensa fortuna, non sono morte altre persone innocenti e altre famiglie non sono cadute nel dolore”, ha detto Egle Possetti, presidente del comitato dedicato alla memoria delle vittime del disastro di Morandi.

“Vogliamo un serio impegno da parte del nostro governo e del parlamento affinché il nostro paese sia reso sicuro e ogni viaggio non diventi un gioco di roulette russa.

“E’ stato come tornare indietro di 15 mesi per noi ieri”.

Michele de Pascale, capo dell’Unione delle Province italiane (UPI), ha detto lunedì che quasi 6.000 strutture autostradali in Italia hanno bisogno di lavori urgenti.

“Dopo il disastro di Morandi-bridge nel 2018, ci è stato chiesto di effettuare un monitoraggio urgente di oltre 30.000 ponti, viadotti e gallerie”, ha detto de Pascale.

“Nel giro di poche settimane abbiamo consegnato al ministero delle infrastrutture un rapporto che ha rivelato la necessità di intervenire su 5.931 strutture, per le quali avevamo pronto il progetto iniziale, e di procedere con sonde tecniche diagnostiche urgenti su 14.089 strutture.

“Non è stato fatto niente”.

Segnali chiave dall’Europa sulla migrazione – ministro

Gli sforzi di questo autunno verso la gestione congiunta della migrazione stanno “avendo un effetto” e l’Europa sta inviando “segnali cruciali” sulla questione, ha detto lunedì il ministro degli interni Luciana Lamorgese.

“La migrazione è complessa e non può essere risolta da un momento all’altro, ma gradualmente”, ha detto Lamorgese ai giornalisti durante una visita a Bari.

“Le nostre attività negli ultimi due mesi e mezzo stanno avendo un effetto….il problema non è risolto, ma l’Europa sta inviando segnali cruciali”, ha detto.

Italia, Germania, Francia e Malta fanno parte di un accordo vincolante di ridistribuzione dell’Unione Europea per i migranti salvati in mare concordato a Malta in settembre.

Le quattro nazioni hanno preso parte a patti di ridistribuzione ad hoc nei ripetuti salvataggi di migranti nel Mediterraneo.

“La mia visione è quella di un’Europa unita che mostri solidarietà e affronti insieme i suoi problemi strutturali”, ha detto Lamorgese.

Il ministero dell’interno italiano ha annunciato lunedì scorso di aver incaricato la nave di soccorso spagnolo Open Arms di portare 62 migranti soccorsi al porto sudorientale di Taranto, a circa 100 chilometri a sud di Bari.

“Abbiamo assegnato il porto di Taranto perché si trovavano nelle nostre acque territoriali e soprattutto perché il mare era molto agitato”, ha detto Lamorgese.

Un secondo battello di soccorso di beneficenza spagnolo, l’Aita Mar, è stato inviato al porto di Pozzallo in Sicilia con 78 migranti a bordo, secondo il ministero dell’interno.

I migranti saranno ridistribuiti tra Germania, Francia e Malta, mentre l’Italia ne accoglierà anche alcuni, ha detto il ministero degli Interni.

Il Presidente del Brescia Massimo Cellino, lunedì scorso, ha fatto una battuta sul colore della pelle di Mario Balotelli, che ha commentato la situazione dopo la caduta dell’attaccante per la sconfitta per 3-0 della sua squadra all’AS Roma di domenica.

“È nero e sta lavorando per alleggerire, ma ha molte difficoltà”, ha detto un Cellino sorridente quando gli è stato chiesto del giocatore di 29 anni.

L’osservazione era un gioco di parole su “nero”, che significa anche “di cattivo umore” o “di cattivo umore”.

Balotelli, nato in Italia da migranti ghanesi, è caduto in campo dopo una fila di allenamenti con l’allenatore Fabio Grosso.

L’attaccante è stato spesso il bersaglio di abusi razzisti durante la sua carriera e ha infilato la palla sugli spalti e si è avvicinato all’andarsene quando è stato sottoposto a canti di scimmie in una recente partita all’Hellas Verona.

La scorsa settimana la Corte d’appello della Federazione Italiana Calcio (FIGC) ha sospeso giovedì scorso un’ordinanza di chiusura della tribuna ultrastars dello stadio di Verona per una partita sopra i canti, in attesa di ulteriori indagini sull’appello del Verona.

Cellino ha aggiunto che secondo lui Balotelli dovrebbe concentrarsi meno sui social media.

“È giusto comunicare con le persone, ma forse Balotelli dà più peso ai social media che al suo valore come sportivo”, ha detto.

“L’ho firmato perché ha 1,90 anni, è un animale ed è ancora abbastanza giovane per fare una dichiarazione nel calcio”.

Donna, 54 anni, citata per stalking man, 49

Una donna rumena di 54 anni è stata citata per aver perseguitato un italiano di 49 anni in un piccolo paese vicino a Bologna.

La donna ha ricevuto un ordine restrittivo, ha detto la polizia lunedì.

Dopo che l’uomo ha interrotto la loro relazione ha iniziato a “rendere la sua vita impossibile”, ha detto la polizia.

Lei lo ha “inondato” di telefonate e messaggi dei social media, hanno detto.

Ha anche aspettato fuori dalla casa che avevano condiviso una volta per spiare lui, ha detto la polizia.

Alla fine l’uomo andò dai Carabinieri e i poliziotti ottennero un giudice per imporre un ordine restrittivo alla donna.

La donna non ha ancora accettato il fatto che non sono più insieme, ha detto la polizia.

Il gruppo di vittime di Morandi richiede un’azione

Un gruppo in rappresentanza delle famiglie delle 43 vittime del disastro del ponte Morandi di Genova dell’agosto 2018 ha chiesto di intervenire lunedì dopo che un altro viadotto è crollato domenica, alimentando le preoccupazioni per la sicurezza delle infrastrutture autostradali nazionali.

Un tratto dell’autostrada A6 in Liguria è crollato a causa di una frana in mezzo a tempeste nella regione nord-occidentale.

All’epoca non c’erano veicoli.

Inoltre, è stata aperta una dolina sull’autostrada A21 in Piemonte.

“Solo grazie al puro caso e all’immensa fortuna, non sono morte altre persone innocenti e altre famiglie non sono cadute nel dolore”, ha detto Egle Possetti, presidente del comitato dedicato alla memoria delle vittime del disastro di Morandi.

“Vogliamo un serio impegno da parte del nostro governo e del parlamento affinché il nostro paese sia reso sicuro e ogni viaggio non diventi un gioco di roulette russa.

“E’ stato come tornare indietro di 15 mesi per noi ieri”.

Michele de Pascale, capo dell’Unione delle Province italiane (UPI), ha detto lunedì che quasi 6.000 strutture autostradali in Italia hanno bisogno di lavori urgenti.

“Dopo il disastro di Morandi-bridge nel 2018, ci è stato chiesto di effettuare un monitoraggio urgente di oltre 30.000 ponti, viadotti e gallerie”, ha detto de Pascale.

“Nel giro di poche settimane abbiamo consegnato al ministero delle infrastrutture un rapporto che ha rivelato la necessità di intervenire su 5.931 strutture, per le quali avevamo pronto il progetto iniziale, e di procedere con sonde tecniche diagnostiche urgenti su 14.089 strutture.

“Non è stato fatto niente”.

L’uomo ha 9 anni per aver abusato di una ragazza, 13

Un italiano di 37 anni è finito nove anni in carcere lunedì per aver attirato una ragazzina di 13 anni ad un incontro e averla abusata sessualmente a Trieste.

L’uomo è stato arrestato e portato in prigione.

L’incidente ha avuto luogo nell’estate del 2016, secondo fonti giudiziarie.

Dopo non aver sentito sua figlia per diverse ore, la madre della ragazza ha chiamato la polizia.

Durante l’interrogatorio, la ragazza ha rivelato di essere stata maltrattata dall’uomo.

La ragazza era stata vista ad una fermata dell’autobus che teneva la mano dell’uomo.

Le sono state rubate la sua carta bancomat e la sua carta di credito, hanno detto fonti giudiziarie.

La condanna dell’uomo divenne definitiva con una sentenza della Corte Suprema di Cassazione.

Berlusconi dice bene il figlio

Il tre volte ex premier e magnate dei media Silvio Berlusconi sta bene dopo essere stato dimesso da una clinica milanese la domenica successiva a una riunione del Partito Popolare Europeo (PPE) a Zagabria venerdì scorso, ha dichiarato lunedì suo figlio e dirigente del gruppo media Piersilvio.

“Papà sta bene, questo è l’ennesimo spavento che ci ha dato, ma fortunatamente sta bene”, ha detto il capo di Mediaset.

Berlusconi, 83 anni, era presente all’incontro del PPE in qualità di leader del partito italiano di centro-destra Forza Italia (FI).

FI fa parte del PPE.

Berlusconi ha subito qualche livido in autunno.

La clinica, La Madonnina, l’ha controllato per assicurarsi che non si fosse rotto niente.

La salute di FI è stata una preoccupazione da quando ha subito un intervento chirurgico nel giugno 2016 su una condizione cardiaca pericolosa per la vita, una valvola aortica difettosa che è stata sostituita con una artificiale.

Ultimamente ha respinto le proposte di prendere in considerazione la possibilità di fare un passo indietro rispetto al suo ruolo di FI.

FI negli ultimi anni è stata superata come top party al centro a destra dal partito della Lega nazionalista di Matteo Salvini.

L’uomo cerca di dare fuoco alla moglie

Un rumeno di 47 anni ha inzuppato i vestiti della moglie in alcool e ha cercato di darle fuoco alla periferia di Firenze il lunedì.

La vittima è un quarantenne kosovaro, ha detto la polizia.

Non si è fatta male.

L’incidente è arrivato alla fine di una fila, ha detto la polizia.

L’uomo presunto ha minacciato di dare fuoco alla moglie e ha anche dato fuoco alla loro casa di fortuna in una ex fabbrica, ha detto la polizia.

In questo modo, avrebbe detto che sarebbero morti insieme.

La donna è riuscita ad allontanarsi da lui e si è imbattuta nella strada dove ha chiamato i servizi di emergenza.

I vigili del fuoco si sono precipitati sulla scena.

Sono stati seguiti dalla polizia che ha arrestato l’uomo.

L’uomo e’ stato accusato di tentata lesione personale grave.

L’episodio è avvenuto in Via del Pesciolino.

Quell’uomo ha precedenti di violenza domestica, ha detto la polizia.

In un caso ha cercato di far esplodere la loro casa con serbatoi di gas e in un altro ha minacciato la donna con un coltello, ha detto la polizia.